Vetri appannati? La soluzione per il parabrezza dell’auto

I vetri appannati dell’auto sono un problema comune che tutti hanno riscontrato in inverno. Salendo sulla propria macchina durante una fredda giornata, il parabrezza della vostra auto potrebbe infatti annebbiarsi, lasciandovi interdetti e immobili in attesa che il riscaldamento riesca a risolvere il problema. Potreste ingannare il tempo disegnando sui vetri, ma probabilmente vi piacerebbe soltanto recuperare la visibilità perduta.

Tutto ciò accade perché nell’aria è presente una percentuale di acqua sotto forma di vapore, che condensa quando aumentano rapidamente il calore e l’umidità all’interno dell’abitacolo per colpa del vostro respiro.
Potete evitare di respirare, opzione efficace ma non praticabile, oppure scegliere alcuni tra i rimedi più tradizionali.

Accendere il climatizzatore, che oltre a riscaldare permette anche di deumidificare l’ambiente, potrebbe essere una soluzione… come, per esempio, potrebbe essere un’altra soluzione quella di andare in giro con i finestrini abbassati in pieno inverno…

Entrambi questi stratagemmi però, nonostante siano efficaci, richiedono tempo e rischi inutili per la vostra salute: tanto che alle volte, sembra quasi di dover scegliere tra un possibile incidente, un sicuro aumento di consumo di carburante oppure un certissimo raffreddore.

Il modo migliore per evitare questo fastidioso problema è invece più facile ed efficace.

I laboratori di ricerca e sviluppo MA-FRA hanno infatti creato VETROLUX, il prodotto che permette di prevenire questo problema, oppure addirittura di risolverlo appena saliti in auto.

La sua azione permette di recuperare la visibilità perduta, semplicemente spruzzando lo spray sul parabrezza e sui vetri della vostra auto anche se, come nella maggior parte dei casi, la prevenzione è l’arma migliore.

VETROLUX mette a vostra disposizione anche questa alternativa: se utilizzato preventivamente te sui vetri, il suo effetto difensivo perdurerà infatti per giorni e giorni.

Clicca qui per maggiori informazioni

A seguire una simpatica animazione: se vedete qualcosa di simile però contattate un medico…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *